• Apis Naturae - Apicoltura Biologica e Bee-Friendly
  • Vai alla categoria attualità
  • Vai alla categoria Notizie dal Mondo
  • Vai alla categoria Prodotti dell'alveare
  • Vai alla categoria Tecniche Apistiche
  • Vai alla categoria Attrezzature
  • Vai alla categoria Malattie
  • Vai alla categoria Ricerca
  • Vai alla categoria Cultura
  • Vai alla categoria Appuntamenti
  • Iscriviti Gratis alla Newsletter

Partiamo con un’apicoltura più amichevole, a cominciare dalla scelta dell’arnia

02 Gennaio 2011

Quando si pensa di diventare apicoltore, la scelta dell'arnia è sempre una decisione difficile perché, una volta presa, da quel...

Le funzioni e l'uso della camera calda in laboratorio

11 Marzo 2015

Il miele è un prodotto viscoso e, in più, tende a cristallizzare. Per essere lavorato in tempi ragionevoli e senza...

Gli attrezzi per allontanare le api dal melario

14 Dicembre 2008

L'apiscampo Molti apicoltori reputano inutili alcuni accessori, che a nostro avviso meriterebbero più attenzione tanto da essere collocati tra le...

A proposito di arnia: ecco alcuni consigli per non sbagliare l'acquisto

10 Marzo 2009

Il più classico errore che l’apicoltore alle prime armi può compiere, è quello di costituire la prima cellula della propria...

«
»

Gli articoli in evidenza

L'azienda

Apicoltura bee-friendly

Bioapi presenta in Cilento il disciplinare sull'apicoltura amichevole con le api

Logo BioapiBioapi, pioniera in Italia sull'utilizzo di arnie Warré e Kenyan Top Bar, sta dando un importante contributo alla realizzazione del disciplinare  che nei prossimi anni potrebbe regolare l'apicoltura naturale o, meglio, l'Apicoltura amichevole con le api (bee-friendly). La prima bozza di disciplinare è stata presentato a Caselle in Pittari (Sa) in occasione del Convegno "Apicoltura Naturale e Biodiversità", promosso dall'Associazione Apicoltori della provincia di Salerno e dalla Cooperativa per il sociale Labor Limae. Il punto principale del disciplinare è l'Articolo 1 che definisce questo nuovo modello di apicoltura:

StampaEmail

Ape Ligustica

Il Parco Nazionale dell'Alta Murgia interessato al progetto di tutela dell'ape Ligustica

Parco Nazionale Alta MurgiaPrimo colpo a favore della salvaguardia della nostra ape Ligustica. Il 22 marzo prossimo siamo stati invitati a Ruvo di Puglia, in provincia di Bari, presso la Sala convegni del Convento dei Domenicani in Via Madonna delle Grazie n. 2 per un incontro con gli apicoltori della zona per informarli dei rischi che si corrono quando gli ecotipi locali vengono sostituiti con api di razze provenienti da altri territori o, addirittura, ibridi. 

StampaEmail

Davvero gli apicoltori italiani dovrebbero disinteressarsi della salvaguardia della Ligustica?

Sulla Rivista nazionale di apicoltura di Maggio c'è un articolo a firma Francesco Colafemmina: "Ligustica sì, Ligustica no... se famo du spaghi" che cita la nota canzone del gruppo musicale Elio e le Storie Tese "La Terra dei Cachi" in riferimento alla giornata di studio organizzata dall'ente Parco nazionale dell'Alta Murgia, dal titolo: “L’Ape italiana una risorsa da tutelare” che si è tenuta presso l’ex Convento dei Domenicani in Ruvo di Puglia il giorno 22 marzo scorso.

Prima di rispondere all'offensivo accostamento tra la giornata di studio e il significato della canzone che racconta la vita e le abitudini dell'Italia travolta da scandali e piena di comportamenti che caratterizzano il cittadino italiano nel mondo (malasanità, il racket, i crimini impuniti e stragi di Stato, ma che sembrano non toccare all'italiano medio che preferisce essere fedele più al calcio, alla pizza e agli spaghetti che all'etica), vorrei fare una piccola premessa di cosa è successo. In questo modo il lettore potrà farsi un'idea propria se, effettivamente, il tema della distruzione o salvaguardia di una sottospecie autoctona nella maggior parte del territorio italiano sia stata condotta nella giornata di studio con la leggerezza denunciata nel titolo.

StampaEmail

Corso – Addetto Sorveglianza Areale protetto Apis mellifera ligustica (Spinola 1806)

Logo associazioneInizierà a Rivodutri (RI) loc. Colle Macchia Casale Rinaldi il 24 Febbraio 2017 il Corso per addetto alla sorveglianza areale protetto dell’Apis mellifera ligustica (Spinola 1806) organizzato dall’Associazione Apicoltori dell’Alto Lazio.

StampaEmail

Dai lettori

L’Apicoltura Naturale con l’Apis cerana Cerana e altre utopie apistiche

25 Gennaio 2013

“…Siamo realisti, vogliamo l’impossibile…” Ernesto Che Guevara. Salve a tutti i lettori del sito, mi chiamo Giorgio e vi scrivo...

Alcuni consigli sul tipo di fondo e di vernice da utilizzare per l'arnia e sul migliore abbigliamento per visitare le api

31 Marzo 2009

Ciao Marco,scrivo dalla Puglia e ho intenzione quest'anno di iniziare l'attività apicola, semplicemente a livello hobbistico. Ho un'infarinatura generale della...

A proposito di blocco di covata: l'esperienza di un lettore

19 Febbraio 2009

Anch'io quest'anno per la seconda volta ho effettuato il blocco di covata su 120 famiglie; direi che il metodo funziona...

Carteggio tra un giovane apicoltore ed uno... un po' meno giovane

02 Gennaio 2011

Pubblico un lungo scambio di mail tra me ed un giovane apicoltore. Credo sia interessante perché sono le domande che...

Come introdurre in una nuova arnia lo sciame artificiale

29 Aprile 2009

Buona sera, intanto complimenti per il sito ben strutturato. Volevo chiederti una cosa: tra un mesetto mi consegneranno il mio...

Ultimi commenti

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast