• Apis Naturae - Apicoltura Biologica e Bee-Friendly
  • Vai alla categoria attualità
  • Vai alla categoria Notizie dal Mondo
  • Vai alla categoria Prodotti dell'alveare
  • Vai alla categoria Tecniche Apistiche
  • Vai alla categoria Attrezzature
  • Vai alla categoria Malattie
  • Vai alla categoria Ricerca
  • Vai alla categoria Cultura
  • Vai alla categoria Appuntamenti
  • Iscriviti Gratis alla Newsletter

Partiamo con un’apicoltura più amichevole, a cominciare dalla scelta dell’arnia

02 Gennaio 2011

Quando si pensa di diventare apicoltore, la scelta dell'arnia è sempre una decisione difficile perché, una volta presa, da quel...

Le funzioni e l'uso della camera calda in laboratorio

11 Marzo 2015

Il miele è un prodotto viscoso e, in più, tende a cristallizzare. Per essere lavorato in tempi ragionevoli e senza...

Gli attrezzi per allontanare le api dal melario

14 Dicembre 2008

L'apiscampo Molti apicoltori reputano inutili alcuni accessori, che a nostro avviso meriterebbero più attenzione tanto da essere collocati tra le...

A proposito di arnia: ecco alcuni consigli per non sbagliare l'acquisto

10 Marzo 2009

Il più classico errore che l’apicoltore alle prime armi può compiere, è quello di costituire la prima cellula della propria...

«
»

Gli articoli in evidenza

Ho difficoltà con l'uso dell'apiscampo

Caro Marco
Innanzitutto ti volevo ringraziare per le notizie tecniche che hai inserito nel suo sito che è molto interessante e approfondito. Ho letto l'articolo sugli attrezzi per allontanare le api dal melario e sono un po' perplesso perché io, in passato, ho provato ad utilizzare l'apiscampo ma senza un grande successo. Spesso , ritornato in apiario, ho trovato che le api non erano scese del tutto o affatto. Mi puoi spiegare meglio come usarlo senza fare errori? Il mio problema, probabilmente, sono le costruzioni di cera sotto i telaini del melario che vanno a occludere il foro d'uscita dell'apiscampo.
Un caro saluto e speriamo di vederci presto
Germano

Caro Germano, 
ti ringrazio molto sia per i complimenti, sia per la possibilità che mi dai di ritornare su un tema che so molto spinoso, che è quello dell’utilizzo dell’apiscampo. Molti apicoltori, infatti, contestano spesso la mia passione per questo “accessorio”. La mia azienda lo ha utilizzato sistematicamente per 6-7 anni (mentre da alcuni anni uso il soffiatore) e conosco alcuni apicoltori professionisti, che lo usano con entusiasmo, malgrado i loro 6-700 alveari. Ma veniamo alle sue perplessità:

  • Le api non scendono - L’apiscampo va sempre utilizzato assieme all’escludiregina, perché se nel melario c'è un po' di covata oppure anche solo dei maschi, le api non scendono mai del tutto. L'escludiregina migliore, poi, è quello senza cornice perché sotto di esso rimane lo spazio d’ape del nido (ovvero quello tra la parte superiore del telaino e l'escludiregina), mentre nella sua parte superiore, esso va a toccare sui telaini del melario, sempreché il melario sia stato costruito correttamente (i telaini del melario devono terminare “al pari” della parte inferiore del melario). Se così è, risulta impossibile che le api costruiscano celle tra telaini del melario ed escludiregina o tra telaini del melario e quelli del nido. Può succedere, invece, quando si vogliono togliere contemporaneamente due melari pieni, trovare delle costruzioni di cera tra i telaini del melario superiore e quelli del melario inferiore. In questo caso è necessario, dopo aver messo l’apiscampo, rispettare lo stesso ordine precedente, ovvero il melario superiore deve rimanere tale; in questo modo le costruzioni di cera che si trovano nella parte sottostante il telaini di questo melario, non vanno ad occludere l’apiscampo. Per ogni evenienza, comunque, è bene portasi dietro, quando si va in apiario, anche un raschietto (quello che utilizzano gli stuccatori) con il quale eliminare possibili costruzioni che possono esserci, però, solo se non si è operato correttamente. Se proprio vogliamo dirla tutta, le ditte che costruiscono gli apiscampo li realizzano male. Infatti, molti di loro tendono a realizzarli rispettando lo spazio d'ape, ovvero gli mettono, tutto intorno, una cornice molto poco alta. Invece questo attrezzo è uno dei pochi che non deve rispettare l'obbligo dello spazio d'ape perché da una parte rimane nell'arnia solo poco tempo e le api non fanno in tempo a costruire cera e, poi, un'altezza maggiore ridurrebbe di molto il rischio che qualche rimasuglio di cera vada a occludere il foro di fuga, come è successo a te.
  • Tempo di permanenza - Per quanto riguarda il tempo che l’apiscampo deve rimanere sotto il melario per eliminare le api, è vero che, a volte, non bastano 24 ore ed infatti la regola è che esso deve permanere “almeno” 24 ore. Ma dirò di più: se l’apiscampo non ha eliminaro in 48 ore le api, la situazione non migliorerà con il passare del tempo. Ciò succede spesso, a fine stagione, andando a togliere il melario quando ormai non c’è più flusso nettarifero. In questo caso va utilizzata la spazzola (comunque le api sono sensibilmente meno del normale) o il soffiatore. Al contrario se c’è flusso nettarifero e, magari, si inserisce sotto l’apiscampo, anche un melario con telaini ancora "sporchi" di miele, possono bastare anche meno di 24 ore per eliminare quasi tutte le api.

L’occasione mi è propizia per esortare tutti gli apicoltori a porre senza remore dei quesiti tecnici ed anche ulteriori chiarimenti sugli articoli di questo sito che a volte usano un linguaggio tecnico non del tutto chiaro oppure sono troppo sintetici perché ho dato erroneamente per scontato delle conoscenze che chi è alle prime armi giustamente ancora non ha.

 

StampaEmail

Commenti   

0 # Monia 2014-05-15 17:28
Ciao a tutti,
io avrei un dubbio riguardo il momento migliore per mettere l'apiscampo: la sera, la mattina presto o il mezzogiorno?
Grazie, e complimenti per il blog! :-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marco Valentini 2014-05-15 19:24
Quando hai tempo, nessuna controindicazione. Importante è il tempo che lo lasci su.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Giacomo 2011-06-26 14:43
Caro Marco, scusami l'introduzione confidenziale, volevo solo un chiarimento sull'escludi regina, quello senza cornice trovandosi a livello dei telaini del melario (la cornice crea lo spazio d'ape) credo che abbiano due problemi, la chiusura di diverse feritoie,appoggiando il longherone inferiore sull'escludi regina, limitando quindi l'accesso al melario (sono libere solo 2 feritorie per telaino) ma anche credo, in caso di frettolosità, l'uccisione di api che si trovano tra longherone inferiore del telaino ed escludi regina
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
-2 # Marco Valentini 2011-06-26 17:39
Caro Giacomo,
vai tranquillo, stai parlando con uno che ha gli escludiregina in tutti gli alveari e lo usa da trent'anni. Nulla di quello che paventi succederà(se metti escludiregina e subito dopo il melario, non uccidi nessuna ape, altrimenti dai abbondante fumo). Semmai è una scocciatura avere i favi del melario allungati con cera e miele, tra lo spazio che si crea tra fine dei telaini ed escludiregina con telaio. E' lì che rischi di uccidere le api ed innescare il saccheggio grazie al miele cola dai favi.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori

L’Apicoltura Naturale con l’Apis cerana Cerana e altre utopie apistiche

25 Gennaio 2013

“…Siamo realisti, vogliamo l’impossibile…” Ernesto Che Guevara. Salve a tutti i lettori del sito, mi chiamo Giorgio e vi scrivo...

A proposito di blocco di covata: l'esperienza di un lettore

19 Febbraio 2009

Anch'io quest'anno per la seconda volta ho effettuato il blocco di covata su 120 famiglie; direi che il metodo funziona...

Alcuni consigli sul tipo di fondo e di vernice da utilizzare per l'arnia e sul migliore abbigliamento per visitare le api

31 Marzo 2009

Ciao Marco,scrivo dalla Puglia e ho intenzione quest'anno di iniziare l'attività apicola, semplicemente a livello hobbistico. Ho un'infarinatura generale della...

Carteggio tra un giovane apicoltore ed uno... un po' meno giovane

02 Gennaio 2011

Pubblico un lungo scambio di mail tra me ed un giovane apicoltore. Credo sia interessante perché sono le domande che...

Come introdurre in una nuova arnia lo sciame artificiale

29 Aprile 2009

Buona sera, intanto complimenti per il sito ben strutturato. Volevo chiederti una cosa: tra un mesetto mi consegneranno il mio...

Ultimi commenti

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast