• Apis Naturae - Apicoltura Biologica e Bee-Friendly
  • Vai alla categoria attualità
  • Vai alla categoria Notizie dal Mondo
  • Vai alla categoria Prodotti dell'alveare
  • Vai alla categoria Tecniche Apistiche
  • Vai alla categoria Attrezzature
  • Vai alla categoria Malattie
  • Vai alla categoria Ricerca
  • Vai alla categoria Cultura
  • Vai alla categoria Appuntamenti
  • Iscriviti Gratis alla Newsletter

Partiamo con un’apicoltura più amichevole, a cominciare dalla scelta dell’arnia

02 Gennaio 2011

Quando si pensa di diventare apicoltore, la scelta dell'arnia è sempre una decisione difficile perché, una volta presa, da quel...

Le funzioni e l'uso della camera calda in laboratorio

11 Marzo 2015

Il miele è un prodotto viscoso e, in più, tende a cristallizzare. Per essere lavorato in tempi ragionevoli e senza...

Gli attrezzi per allontanare le api dal melario

14 Dicembre 2008

L'apiscampo Molti apicoltori reputano inutili alcuni accessori, che a nostro avviso meriterebbero più attenzione tanto da essere collocati tra le...

A proposito di arnia: ecco alcuni consigli per non sbagliare l'acquisto

10 Marzo 2009

Il più classico errore che l’apicoltore alle prime armi può compiere, è quello di costituire la prima cellula della propria...

«
»

Gli articoli in evidenza

L'uso dello zucchero al velo per valutare l'infestazione da varroa

Esattamente come per ogni tipo di patologia, anche per noi apicoltori sarebbe molto utile avere un termometro per valutare la gravità dell’infestazione della varroa in un dato periodo della stagione. A dire il vero qualcuno ce n’è già, come la valutazione dell’infestazione della covata maschile attraverso la sua asportazione, ad esempio, con un forchetta disopercolatrice. Si sostiene che la varroa sulla covata maschile sia grossomodo simile a quella presente su quella femminile (salvo che l’infestazione non sia già molto elevata, altrimenti…). Un altro sistema consigliato è la valutazione della varroa morta per morte naturale sui fondi antivarroa. Ma ne cade così poca che non è facile fare un calcolo che neppure si avvicina alla realtà.

 

Recentemente il nostro collega Marco Moretti mi ha evidenziato un altro sistema da lui utilizzato e provato sul campo ovvero lo spolvero dei telai con zucchero a velo. Marco lesse tempo fa uno studio di Randy Oliver (considerato un ricercatore affidabile negli States) che aveva registrato tutta una serie di dati confrontandoli con altri metodi di monitoraggio (http://www.scientificbeekeeping.com/index.php?option=com_content&task=view&id=72). In pratica si tratta di somministrare 100 grammi di zucchero al velo per famiglia e in pochi minuti, osservando il cassettino, ci si può rendere conto dell'infestazione. Infatti, la sua efficacia si aggira intorno al 4% della popolazione totale di varroa presente nella famiglia. L’esperienza personale di Marco lo porta ad affermare che, nelle colonie dove cadono più di 30-40 acari con lo zucchero, dopo il blocco di covata con la gabbietta e il successivo trattamento acaricida cadono ulteriori 2.000 varroe e oltre. Lo zucchero al velo può essere somministrato con un comune setaccio per dolci specifico per lo zucchero o la farina che si acquista al supermercato al prezzo di 6-7 euro.

Se lo zucchero si spolvera direttamente sopra i favi, poi va ulteriormente distribuito con una comune spazzola da apicoltore per dirigerlo negli spazi tra i telaini; in alternativa, ma l’operazione richiede più tempo, si può spolverare ogni singola facciata dei favi estraendoli dall'arnia uno per volta (http://www.youtube.com/watch?v=Y7C_pV9ig4c&feature=related). Con questa seconda metodologia, sicuramente tutte le api sono investite dallo zucchero e la caduta di varroa è maggiore. In America ci sono apicoltori che dicono di riuscire a tener sotto controllo la varroa soltanto ripetendo 5 o 6 volte questo trattamento. Probabilmente in zone fredde dove ci sono pochi cicli di covata, questo può essere possibile; in situazioni normali, da solo non funziona.

La scorsa stagione Marco ha provato il metodo dello spolvero dei telaini dall’alto nel momento in cui liberava la regina (dopo 19 giorni di blocco) e questo ha contribuito, prima del trattamento acaricida con prodotti naturali, ad abbattere una parte di varroe parcheggiate sulle api.

StampaEmail

Commenti   

0 # domenico 2014-02-20 11:43
posso fare il trattamento con lo zucchero a velo anche a Febbraio in una giornata con 14-15 gradi ?
Grazie Domenico
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marco Valentini 2014-02-20 13:06
Ciao Domenico.
Si certamente, anche con temperature leggermente più basse.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Stefano 2013-03-13 14:41
Ciao. Sono un apicoltore amatoriale e scrivo da un paese in collina in provincia di Vicenza. Vorrei provare questo sistema e volevo chiedere alcune cose. Si può eseguirlo in questo periodo? Dà qualche problema alle api o alla regina, tipo perdita dell'odore proprio? Dato che in questo periodo le api sono ancora poche, quanto zucchero devo spolverare? Scusa tutte queste domande ma sto cercando di approfondire questo metodo. Grazie.
Ciao
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marco Valentini 2013-03-14 13:05
Caro Stefano,
innanzitutto sappi che questo, per le conoscenze che ne abbiamo in questo momento, è soltanto un sistema diagnostico; se vuoi adoperarlo per questo motivo, sarebbe meglio, perché più preciso, adottare il metodo che puoi leggere qui: http://www.bioapi.it/valutiamo-il-tasso-dinfestazione-dei-nostri-alveari-da-oggi-e-veramente-molto-semplice.html
Quello che invece succede se usi lo zucchero a velo per tenere a bada la varroa, puoi leggerlo qui: http://www.bioapi.it/storia-di-un-alveare-top-bar-hive-dallinsediamento-al-suo-invernamento-e-situazione-varroa.html.
Nessun problema, comunque, per api o regina, vai tranquillo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori

L’Apicoltura Naturale con l’Apis cerana Cerana e altre utopie apistiche

25 Gennaio 2013

“…Siamo realisti, vogliamo l’impossibile…” Ernesto Che Guevara. Salve a tutti i lettori del sito, mi chiamo Giorgio e vi scrivo...

Alcuni consigli sul tipo di fondo e di vernice da utilizzare per l'arnia e sul migliore abbigliamento per visitare le api

31 Marzo 2009

Ciao Marco,scrivo dalla Puglia e ho intenzione quest'anno di iniziare l'attività apicola, semplicemente a livello hobbistico. Ho un'infarinatura generale della...

A proposito di blocco di covata: l'esperienza di un lettore

19 Febbraio 2009

Anch'io quest'anno per la seconda volta ho effettuato il blocco di covata su 120 famiglie; direi che il metodo funziona...

Carteggio tra un giovane apicoltore ed uno... un po' meno giovane

02 Gennaio 2011

Pubblico un lungo scambio di mail tra me ed un giovane apicoltore. Credo sia interessante perché sono le domande che...

Come introdurre in una nuova arnia lo sciame artificiale

29 Aprile 2009

Buona sera, intanto complimenti per il sito ben strutturato. Volevo chiederti una cosa: tra un mesetto mi consegneranno il mio...

Ultimi commenti

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast