• Apis Naturae - Apicoltura Biologica e Bee-Friendly
  • Vai alla categoria attualità
  • Vai alla categoria Notizie dal Mondo
  • Vai alla categoria Prodotti dell'alveare
  • Vai alla categoria Tecniche Apistiche
  • Vai alla categoria Attrezzature
  • Vai alla categoria Malattie
  • Vai alla categoria Ricerca
  • Vai alla categoria Cultura
  • Vai alla categoria Appuntamenti
  • Iscriviti Gratis alla Newsletter

Partiamo con un’apicoltura più amichevole, a cominciare dalla scelta dell’arnia

02 Gennaio 2011

Quando si pensa di diventare apicoltore, la scelta dell'arnia è sempre una decisione difficile perché, una volta presa, da quel...

Le funzioni e l'uso della camera calda in laboratorio

11 Marzo 2015

Il miele è un prodotto viscoso e, in più, tende a cristallizzare. Per essere lavorato in tempi ragionevoli e senza...

Gli attrezzi per allontanare le api dal melario

14 Dicembre 2008

L'apiscampo Molti apicoltori reputano inutili alcuni accessori, che a nostro avviso meriterebbero più attenzione tanto da essere collocati tra le...

A proposito di arnia: ecco alcuni consigli per non sbagliare l'acquisto

10 Marzo 2009

Il più classico errore che l’apicoltore alle prime armi può compiere, è quello di costituire la prima cellula della propria...

«
»

Gli articoli in evidenza

Qual è il prodotto migliore per trattare gli sciami naturali?

Ho letto l'articolo che spiega l'utilizzo dell'acido lattico nella lotta contro la varroa e mi chiedevo se non potesse risultare valido nel trattare gli sciami il giorno dopo la cattura quando sono ormai sui favi, ma non hanno ancora la covata.
Eventualmente quale altro prodotto ad uso istantaneo mi consigliesti per trattare gli sciami appena catturati?
Attendendo risposta e ringrazio per l'attenzione.
Dario

Assolutamente l'acido ossalico spruzzato, da utilizzare nella stessa modalità d'uso dell'acido lattico. Si tratta di diluire 30 grammi di acido ossalico in un litro di acqua tiepida e introdurlo in un spruzzatore tipo quello che viene utilizzato per bagnare le foglie delle piante da giardino. Poi si estraggono i telaini ad uno ad uno e gli si somministrano tre spruzzate per facciata di favo, in modo che tutte le api siano colpite dalle goccioline. Conviene, però, aspettare un po' più di tempo, per non rischiare di disturbare troppo lo sciame quando si sta adattando all'arnia, senza arrivare però all'ottavo giorno dalla raccolta dello sciame, quando qualche varroa porebbe già essere all'interno della covata pronta per essere opercolata.
Io faccio così e mi trovo benone.
Marco

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori

L’Apicoltura Naturale con l’Apis cerana Cerana e altre utopie apistiche

25 Gennaio 2013

“…Siamo realisti, vogliamo l’impossibile…” Ernesto Che Guevara. Salve a tutti i lettori del sito, mi chiamo Giorgio e vi scrivo...

Alcuni consigli sul tipo di fondo e di vernice da utilizzare per l'arnia e sul migliore abbigliamento per visitare le api

31 Marzo 2009

Ciao Marco,scrivo dalla Puglia e ho intenzione quest'anno di iniziare l'attività apicola, semplicemente a livello hobbistico. Ho un'infarinatura generale della...

A proposito di blocco di covata: l'esperienza di un lettore

19 Febbraio 2009

Anch'io quest'anno per la seconda volta ho effettuato il blocco di covata su 120 famiglie; direi che il metodo funziona...

Carteggio tra un giovane apicoltore ed uno... un po' meno giovane

02 Gennaio 2011

Pubblico un lungo scambio di mail tra me ed un giovane apicoltore. Credo sia interessante perché sono le domande che...

Come introdurre in una nuova arnia lo sciame artificiale

29 Aprile 2009

Buona sera, intanto complimenti per il sito ben strutturato. Volevo chiederti una cosa: tra un mesetto mi consegneranno il mio...

Ultimi commenti

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast