• bee-Friends DAY 2018 - 16 Novembre
  • Iscriviti al nuovo gruppo facebook di apicoltura biologica e bee-friendly!
  • Vai alla categoria attualità
  • Vai alla categoria Notizie dal Mondo
  • Vai alla categoria Prodotti dell'alveare
  • Vai alla categoria Tecniche Apistiche
  • Vai alla categoria Attrezzature
  • Vai alla categoria Malattie
  • Vai alla categoria Ricerca
  • Vai alla categoria Cultura
  • Vai alla categoria Appuntamenti
  • Iscriviti Gratis alla Newsletter

Partiamo con un’apicoltura più amichevole, a cominciare dalla scelta dell’arnia

02 Gennaio 2011

Quando si pensa di diventare apicoltore, la scelta dell'arnia è sempre una decisione difficile perché, una volta presa, da quel...

Le funzioni e l'uso della camera calda in laboratorio

11 Marzo 2015

Il miele è un prodotto viscoso e, in più, tende a cristallizzare. Per essere lavorato in tempi ragionevoli e senza...

Gli attrezzi per allontanare le api dal melario

14 Dicembre 2008

L'apiscampo Molti apicoltori reputano inutili alcuni accessori, che a nostro avviso meriterebbero più attenzione tanto da essere collocati tra le...

A proposito di arnia: ecco alcuni consigli per non sbagliare l'acquisto

10 Marzo 2009

Il più classico errore che l’apicoltore alle prime armi può compiere, è quello di costituire la prima cellula della propria...

«
»

Gli articoli in evidenza

Un altro modo di fare apicoltura

Ieri al corso c´era un apicoltore di Latina, che mi ha colpito molto e sto cercando dei riscontri tra voi altri professionisti perche io vivo in un paese di pochissime anime dove sono ancora convinti che l´ape rompe l´uva. Questo apicoltore ha una conduzione di apiario molto interessante, é stanziale e usa solo arnie da 6 telaini ed é tutto numerato dal melario ai telaini, ogni telaino é numerato e pure quelli del melario e non vengono mai intercambiati con pezzi degli altri alveari. Facendo cosi dice che si risparmia un sacco di chimica e malattie microbiologiche dell´alveare, infatti usa solo oli essenziali e tavolette per la varroa. Ok, é un pochino eccentrico ma il ragionamento che ha fatto fila. Ha detto poi che non cambia lui le regine ma lascia il compito alle api (che alla fine dopo 2 anni la sostituiscono da sole) ma è spietato con le regine che non passano il test del rombo (ha una spece di formina romboidale e conta le cellette vuote).

Devo ammettere che tutto ció mi ha confuso, credevo che una famiglia su 10 telaini era piu forte di una su 6, invece pare proprio il contrario, una bella famiglia su 6 telaini in arniette da 6 con melario rimane piu sana, autosufficente e riempie prima il melario. Lui produce quasi solo miele di eucalipto in favetti francesi e dice che é una vera soddisfazione. Il consiglio suo era quello di produrre miele in favetti e piano piano farsi un piccolo laboratorietto per smielare anche miele da invasettare, te che ne pensi? Conosci qualcuno appassionato o specializzato in miele in favi?
Antonio Zangana

Caro Antonio,
naturalmente dipende sempre da dove si tengono le api (una cosa è allevare api in provincia di Latina con le fioriture tipiche della zona, una cosa è allevarle in montagna) ma sicuramente l’arnia da 10 favi è troppo grande. Se quella giusta è da 6, da 7 o da 8, va visto zona per zona. Numerare tutto anche telaino per telaino smielando con la centrifuga è molto oneroso e il gioco non vale la candela ma solo se usi l’escludi regina perché i problemi microbiologici li porta la covata. Producendo miele in favo, naturalmente, ti elimini i problemi relativi ai telaini del melario (anche lo stoccaggio!). Comunque è molto interessante il tipo di apicoltura che sta facendo l'apicoltore di Latina anche perché lavorare con alveari che pesano pressapoco la metà, è molto meglio e adattabile ad un tipo di apicoltura al femminile.
Sicuramente il suo successo sul versante microbiologico lo deve più all’allevamento di regine con caratteristiche di tolleranza alle malattie. Il cosiddetto test del rombo, come lo chiama lui, vuol dire preferire, nella selezione, le regine che rimuovono la covata morta entro 2 giorni, il periodo entro cui la forma vegetativa della peste americana non si trasforma ancora in spora. Così facendo le api sono più resistenti alla peste perché si seleziona un comportamento virtuoso delle figlie della regina. E’ il corretto modo di fare selezione, ovvero anticipare quello che farebbe la natura alla quale non importa far produrre, ad una famiglia, 10 kg in più di miele, se non strettamente necessario alla sopravvivenza della specie in quell'areale.
Sulla questione miele in favo non mi pronuncio in quanto dipende dal tipo di clientela, ma non conosco i favetti francesi. Personalmente mi sto orientando a produrre miele pressato quindi non lontano da ciò che fa l'apicoltore di Latina. Il mercato del miele in favo, per il momento, è piuttosto limitato e, quindi, facilmente saturabile (ed anche quello pressato). 
Un caro saluto
Marco Valentini

StampaEmail

Commenti   

0 # Macs 2014-06-12 15:41
Ciao a tutti, ho 8 famiglie su tradizionali arnie da nomadismo da 10, ma siccome adesso sto dando una svolta e vorrei accrescere il mio apiario, dislocando le famiglie in due località, mi sto orientando su arnie più piccole, da 7. Non so perchè ma sono convinto che la famiglia più stretta sia più in forze e permetta una maggiore produzione di miele, lavorando in maniera simile all'arnia a produzione rapida. Quali sono le caratteristiche del territorio da valutare per meditare questa conversione?
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori

L’Apicoltura Naturale con l’Apis cerana Cerana e altre utopie apistiche

25 Gennaio 2013

“…Siamo realisti, vogliamo l’impossibile…” Ernesto Che Guevara. Salve a tutti i lettori del sito, mi chiamo Giorgio e vi scrivo...

Alcuni consigli sul tipo di fondo e di vernice da utilizzare per l'arnia e sul migliore abbigliamento per visitare le api

31 Marzo 2009

Ciao Marco,scrivo dalla Puglia e ho intenzione quest'anno di iniziare l'attività apicola, semplicemente a livello hobbistico. Ho un'infarinatura generale della...

A proposito di blocco di covata: l'esperienza di un lettore

19 Febbraio 2009

Anch'io quest'anno per la seconda volta ho effettuato il blocco di covata su 120 famiglie; direi che il metodo funziona...

Carteggio tra un giovane apicoltore ed uno... un po' meno giovane

02 Gennaio 2011

Pubblico un lungo scambio di mail tra me ed un giovane apicoltore. Credo sia interessante perché sono le domande che...

Come introdurre in una nuova arnia lo sciame artificiale

29 Aprile 2009

Buona sera, intanto complimenti per il sito ben strutturato. Volevo chiederti una cosa: tra un mesetto mi consegneranno il mio...

Ultimi commenti

  • Il candito per le api

    • Marco Valentini 02.12.2018 11:12
      Buongiorno Ziogori, è possibile farlo con la ...

      Leggi tutto...

       
    • Ziogori 02.12.2018 10:16
      Buongiorno marco e possibile fare il candito senza ...

      Leggi tutto...

       
    • Marco Valentini 01.12.2018 10:11
      No, non va usato. Personalmente sono contrario ...

      Leggi tutto...

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast