Attività antibiotica, antiossidante e anti-tirosinasi di differenti tipi di miele tailandese

Da quando è stato scoperto che il miele di Manuka ha delle proprietà antibatteriche ritenute superiori ad altri mieli, si sono moltiplicate le ricerche per individuare altri mieli con caratteristiche salutistiche straordinarie sperando che possano avere la stessa fortuna commerciale del più famoso miele noozelandese.

Principali protagonisti della ricerca che ci ha incuriosito sono stati alcuni mieli tailandesi sottoposti a test da Kanyaluck Jantakee e Yingmanee Tragoolpua, del Dipartimento di Biologia della Facoltà di Scienze, Università di Chiang Mai, in Tailandia. Lo studio ha dimostrato un'attività antibatterica-simile dei vari mieli tailandesi provenienti dal nettare di vari tipi di fiori, testati contro alcuni batteri patogeni che causano malattie della pelle, tra i quali S. aureus, MRSA, Corynebacterium sp., E P. acnes. L'attività antibatterica del miele Tailandese testato in questo studio è dovuto all'attività del  perossido (la cui formazione è favorita dall'enzima glucosidasi introdotto dalle api), mentre l'attività del miele di Manuka sembrerebbe essere dovuto ad un'attività non attribuibile al perossido del miele. Inoltre, è stato dimostrato che il miele raccolto dal fiore di caffè mostra le più alte attività antiossidanti e anti-tirosinasi, una scoperta che è correlata con la composizione fitochimica di questo miele che contiene composti fenolici e flavonoidi. Lo studio ha evidenziato che il miele è un potenziale potente  antibatterico, antiossidante con attività anti-tirosinasi. Inoltre, il miele può essere utilizzato come agente terapeutico alternativo contro i batteri patogeni che causano le malattie della pelle.

http://www.biolres.com/content/48/1/4

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast