Il polline sarà la materia prima nella costruzione dei moderni accumulatori di energia

Il polline sarà la materia prima nella costruzione dei moderni accumulatori di energia

Polline colorato artificialmenteVilas Pol, professore associato presso la Facoltà di Ingegneria Chimica e la Scuola di Ingegneria dei Materiali dell'Università di Purdue è raggiante: "Le nostre prove hanno dimostrato che i pollini potrebbero produrre architetture di carbonio da applicare nella realizzazione di anodi in dispositivi di accumulo di energia".  

Le batterie hanno due elettrodi, chiamati anodo e catodo ed un liquido elettrolita che nelle batterie moderne contengono gli ioni di litio. Gli anodi, che durante la ricarica immagazzinano gli ioni di litio, nella maggior parte delle batterie di oggi sono fatte di grafite. I ricercatori hanno testato il carbonio proveniente dal polline delle api e delle piante di Thyfa e ne hanno dedotto che potrebbero essere una buona materia prima.

"Entrambi i pollini - ha continuato il professor Vilas Pol - sono disponibili in abbondanza ed noi vogliamo imparare dalla natura qualcosa che potrebbe essere utile nella creazione di migliori batterie fatte con materie prime rinnovabili".

La ricerca ha poi mostrato che gli anodi derivati dal polline possono avere delle caratteristiche molto simili a quelli di grafite sia nella durata che nei di tempi di ricarica.

http://www.purdue.edu/

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast