Forum di apicoltura biologica

Welcome, Guest
Username: Password: Remember me

TOPIC: Alcune precisazioni sulla arnia Kenya Top Bar

Alcune precisazioni sulla arnia Kenya Top Bar 3 weeks 1 day ago #506

  • OrsonBee
  • OrsonBee's Avatar
  • OFFLINE
  • Uovo
  • Posts: 1
  • Karma: 0
Buongiorno a tutti, da un po' seguo questo ottimo forum e recentemente avrei finalmente deciso di costruirmi una arnia top bar per ampliare il mio piccolo apiario hobbistico. Anche se ho letto molto a riguardo mi rimangono alcuni dubbi che spero i più esperti possano delucidare.

1- Considerando che l'apiario si trova nelle Prealpi lombarde ad un altezza di 550m e dove durante i mesi dove le giornate sono le più corte, il sole arriva solo dall'alba alle 14h e nei mesi più freddi le temperatura possono raggiungere delle minime di -10°C, mi chiedevo se un arnia Top Bar era comunque gestibile o è troppo difficile da tenere calda per le api in queste condizioni climatiche.
NB: L'arnia KTB che avrei intenzione di costruire sarebbe in abete dello spessore di 30mm

2- ho visto che alcune persone hanno delle arnie top bar con il fondo anti-varroa la cosa è auspicabile o no?

3- grande domanda alla quale non riesco a trovare una risposta certa: favi 'caldi' o favi 'freddi' ovvero entrata dal lato lungo o dal lato corto?

4- listelli d Gareth o no? Cosa consigliate? È vero che è utile anche per fare il trattamento con l'A.ossalico?

5- ho visto decine e decine di disegni di arnie top bar ed ognuna ha un angolo di inclinazione dei lati diverso: vanno dai 115° ai 137°30'. C'è qualche dato preciso a riguardo oltre i 120° dell' inclinzione del susseguirsi delle cellette?

6- è vero che l'orientamento di un arnia KTB è determinante affinché i favi vengano costruiti paralleli alle top bar e non di traverso?

7-volume totale interno dell'arnia KTB? Anche in questo caso ho letto informazioni discordanti.

8- larghezza della top bar. Anche qui si trovano misure ca vanno da 32mm a 38mm (standard non Gareth)

Nell'apiario ho già, da qualche anno, quattro anrnie DB che curo in modo il più naturale possibile, senza forzarne la produzione e facendo trattamenti anti-varroa esclusivamente 'biologici' ,(A.ossalico con blocco di covata e A.formico). L'apiario si trova in un bosco isolato lontano da coltivazioni intensive(e pesticidi) e la densità apistica della zona è molto bassa.

Grazie in anticipo a chi potrà illuminarmi su questi dettagli.
Last Edit: 3 weeks 21 hours ago by OrsonBee.
The administrator has disabled public write access.
Time to create page: 0.112 seconds

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast