• bee-Friends DAY 2018 - 16 Novembre
  • Iscriviti al nuovo gruppo facebook di apicoltura biologica e bee-friendly!
  • Vai alla categoria attualità
  • Vai alla categoria Notizie dal Mondo
  • Vai alla categoria Prodotti dell'alveare
  • Vai alla categoria Tecniche Apistiche
  • Vai alla categoria Attrezzature
  • Vai alla categoria Malattie
  • Vai alla categoria Ricerca
  • Vai alla categoria Cultura
  • Vai alla categoria Appuntamenti
  • Iscriviti Gratis alla Newsletter

Partiamo con un’apicoltura più amichevole, a cominciare dalla scelta dell’arnia

02 Gennaio 2011

Quando si pensa di diventare apicoltore, la scelta dell'arnia è sempre una decisione difficile perché, una volta presa, da quel...

Le funzioni e l'uso della camera calda in laboratorio

11 Marzo 2015

Il miele è un prodotto viscoso e, in più, tende a cristallizzare. Per essere lavorato in tempi ragionevoli e senza...

Gli attrezzi per allontanare le api dal melario

14 Dicembre 2008

L'apiscampo Molti apicoltori reputano inutili alcuni accessori, che a nostro avviso meriterebbero più attenzione tanto da essere collocati tra le...

A proposito di arnia: ecco alcuni consigli per non sbagliare l'acquisto

10 Marzo 2009

Il più classico errore che l’apicoltore alle prime armi può compiere, è quello di costituire la prima cellula della propria...

«
»

Gli articoli in evidenza

La lotta biologica in apicoltura

Per lotta biologica si intende, in senso stretto, la lotta ai parassiti che attaccano soprattutto le piante, ma anche animali, con l'impiego di organismi antagonisti: una sorta di parassiti dei parassiti.In questa accezione, però, la lotta biologica alla varroa non è, per ora, possibile e, anche se si stanno facendo ricerche in proposito, probabilmente non lo sarà neanche nel prossimo futuro. Alla lotta biologica in questi ultimi anni si è voluto dare un significato più ampio che, seppure risulti giustificato per la lotta meccanica, non è propriamente esatto quando lo si riferisce alla lotta con principi attivi detti "naturali". In primo luogo perché questi principi attivi di naturale hanno solo il fatto di avere una molecola attiva contro l'acaro simile, in quanto prodotta dalle industrie chimiche, a quella derivata direttamente dalla pianta.Ciò comporta che questo principio attivo sia più inquinante e più persistente (ovvero che rimane più a lungo all'interno dell'arnia) dell'omologo estratto direttamente dalla pianta. L’apicoltore “biologista convinto” pratica un tipo di apicoltura che rispetta le api, gli alveari, l’ambiente ed infine il consumatore e la mera sostituzione di un principio attivo di sintesi con uno, tra l’altro, pseudo naturale, utilizzato a “calendario” che riduce i costi di gestione permettendo di rarefarre al massimo le visite in apiario mal si adatta a questa figura emergente.E allora cosa fare? Limitarsi alla lotta meccanica che, malgrado l’ottimizzazione introdotta da Campero con il suo TIT 3, non permette comunque di limitare le perdite di alveari o integrarla con altre pratiche più o meno biologiche? Purtroppo la varroa e un parassita relativamente di nuova introduzione in un allevamento che non aveva mai avuto problemi neppure in qualche modo paragonabili agli attuali e ci vuole del tempo affinché si mettano a punto metodi biologici finalmente efficaci contro questa vera e propria calamità.Aspettando quindi che la Rhône-Poulenc metta a punto una trappola per varroe che utilizzi il palmitato di metile quale attrattivo (molecola sperimentata in Francia) oppure che la genetica faccia passi significativi verso la selezione di api resistenti al parassita, unica vera speranza di chi si definisce apicoltore biologico non resta che affidarsi innanzitutto alla propria coscenza ma, soprattutto, al disciplinare messo a punto dal Coordinamento Nazionale degli Apicoltori Biologici che regolamenta l’azienda biologica.

Chi ne vuol sapere di più può contattare la Federazione Apicoltori Italiani (tel: 06:6877175-6852276) che ha pubblicato il disciplinare sul numero 8/92 di Apitalia e per chi già opera in questo campo un consiglio: controllate bene i vostri alveari e il comportamento delle api verso la varroa, non sarà che proprio nei vostri apiari si nasconda l’ape che in qualche modo è più resistente delle altre?

StampaEmail

Commenti   

0 # massimiliano 2014-03-09 17:40
ma dove prende l'ape questa varroa sui fiori? anche la vespa è vittima di
questo acaro? mi rifaccio alla domanda sul timo se lo metto all'entrata dell'arnia in modo che l'ape si struscia
potrebbe farle cadere ho capito che si attaccano ai peli se non erro
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marco Valentini 2014-03-09 17:51
Massimiliano, allora non ci siamo capiti. La varroa è un problema serio, e ci stanno sbattendo la testa il fior fiore dei ricercatori mondiali; se era così facile avresti visto rametti di timo dappertutto. Se vuoi fare l'apicoltore, ti prego di credere che non serve a nulla fare interventi del tipo che dici tu.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori

L’Apicoltura Naturale con l’Apis cerana Cerana e altre utopie apistiche

25 Gennaio 2013

“…Siamo realisti, vogliamo l’impossibile…” Ernesto Che Guevara. Salve a tutti i lettori del sito, mi chiamo Giorgio e vi scrivo...

Alcuni consigli sul tipo di fondo e di vernice da utilizzare per l'arnia e sul migliore abbigliamento per visitare le api

31 Marzo 2009

Ciao Marco,scrivo dalla Puglia e ho intenzione quest'anno di iniziare l'attività apicola, semplicemente a livello hobbistico. Ho un'infarinatura generale della...

A proposito di blocco di covata: l'esperienza di un lettore

19 Febbraio 2009

Anch'io quest'anno per la seconda volta ho effettuato il blocco di covata su 120 famiglie; direi che il metodo funziona...

Carteggio tra un giovane apicoltore ed uno... un po' meno giovane

02 Gennaio 2011

Pubblico un lungo scambio di mail tra me ed un giovane apicoltore. Credo sia interessante perché sono le domande che...

Come introdurre in una nuova arnia lo sciame artificiale

29 Aprile 2009

Buona sera, intanto complimenti per il sito ben strutturato. Volevo chiederti una cosa: tra un mesetto mi consegneranno il mio...

Ultimi commenti

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast