Il futuro della lotta alla varroa
va cercato nello studio del suo rapporto con l'ape


Ci stiamo avvicinando a grandi passi verso l’infausto anniversario dei trent’anni dall’entrata ufficiale della varroa in Italia (insomma, nulla da festeggiare, purtroppo) e, visto che sono abbastanza anziano per  aver vissuto sulla mia pelle tutto il percorso evolutivo del terribile acaro, la mia esperienza può essere utile per comprendere cosa è cambiato in questi anni e cercare di capire cosa ci riserva il futuro. Proviamo a vedere:

Lotta chimica
La prima cosa che abbiamo fatto per cercare di arginare la varroa è stato quello di aggredirla con le armi più potenti che avevamo a disposizione. All’epoca un altro acaro colpiva di tanto in tanto i nostri alveari ed era l’Acarapis woodi e per il suo controllo gli apicoltori si affidavano o al Folbex o al più naturale mentolo. E con tali mezzi, era logico avvenisse, si provò ad arginare anche la varroa, ma senza successo; si capì subito che il nemico aveva ben altra caratura del più gentile agente dell’acariosi. Il Folbex si tramutò, allora, nel ben più potente Folbex VA che, in parte perché molto costoso e di complicata applicazione (si dovevano bruciare due strisce di carta all’interno dell’alveare) e in parte in quanto il suo principio attivo – il bromopropilato – era imputato di inquinare pesantemente i prodotti dell’alveare, soprattutto la cera, fu presto abbandonato. Gli apicoltori professionisti (ovvero quelli che devono far quadrare i conti, perché con le api ci vivono), completamente disorientati e impreparati  sul da farsi, sperimentavano comprensibilmente ogni possibile arma di distruzione di massa (in quegli anni si provò veramente di tutto); intanto alcuni apicoltori amatoriali o che avevano a cuore l’apicoltura biologica (in quegli anni eravamo rari come le mosche bianche) si rivolgevano a molecole più soft e che originavano meno dubbi sulla possibilità di lasciare residui nei prodotti delle api quali gli acidi organici formico e lattico e il timolo

 

Una selezione al contrario

Nel frattempo anche la varroa metteva l’elmetto e si è difesa come ha potuto dalle potenti bordate che le arrivavano da ogni parte e mentre sembrava, con l’arrivo dell’Apistan, che stesse per capitolare, è stato proprio allora che ha sferrato il suo più potente attacco agli apicoltori riuscendo a diventare, in solo due o tre anni, resistente al suo principio attivo. È stato lì che gli apicoltori (qualcuno perse anche il 70% dei propri alveari) capirono che la guerra con la varroa non l’avrebbero vinta mai e persero la fiducia cieca verso la lotta chimica. Come era divenuta resistente al fluvalinate, sarebbe potuta diventare resistente a qualsiasi altro principio attivo (come poi si è dimostrato). Chi ha utilizzato i principi attivi di origine naturale ha un po’ mitigato questo effetto negativo insito nelle molecole di sintesi chimica; solo mitigato perché la varroa può (e così è stato) diventare resistente anche alla modalità di somministrazione di un prodotto. La perdita di efficacia del timolo – e delle formulazioni che lo contengono  –  che gli apicoltori lamentano negli ultimi tre anni, probabilmente non dipende da fenomeni di farmaco-resistenza vera e propria.  Verosimilmente sta nell’uso della molecola attiva in presenza di covata il problema principale. Infatti il prodotto acaricida che la contiene non riesce ad essere efficace per tutta la durata del tempo che rimane nell’alveare, e ciò seleziona varroe che hanno un periodo foretico (ovvero il tempo che le varroe, tra un ciclo di sviluppo ed il seguente, rimangono sulle api e, quindi sono esposte alle molecole attive) molto corto.

Ma non è finita qui perché, proprio a causa dei continui trattamenti effettuati per cercare di tenere sotto controllo la varroa, gli apicoltori hanno involontariamente aumentato la sua fecondità. Infatti, se all’inizio il controllo della varroa, seppure difficile perché l’acaro non era assolutamente conosciuto ne dagli apicoltori e poco anche dai ricercatori, poteva essere eseguito ad ottobre, man mano che passavano gli anni, è stato necessario anticipare i trattamenti via via sempre più, fino ad arrivare ai giorni nostri nei quali è improponibile procrastinare l’intervento oltre metà agosto.  Sembra abbastanza evidente che i trattamenti siano riusciti nell’intento di selezionare le varroe, che che ne dicano alcuni apicoltori e anche qualche ricercatore.

 

L’impatto sui prodotti delle api

L’altro effetto negativo dei trattamenti con acaricidi (un po’ mitigato da coloro che utilizzano principi attivi di origine naturale) è l’inquinamento dei prodotti dell’alveare che non è solo un problema per i clienti degli apicoltori che si alimentano o usano miele, polline, propoli, cera e pappa reale, ma lo è ancor di più per le stesse api che sono costrette a vivere in un ambiente contaminato e ad alimentarsi di cibi anch’essi inquinati. E questo perché le api sono insetti e quindi molto più vicine di noi, dal punto di vista evolutivo e biologico, alla varroa e perché molto piccole e quindi molto più suscettibili di noi alla tossicità dei residui dei principi attivi. Pensate voi quanto deve essere  difficile per un’ape completare il ciclo di sviluppo in una celletta avvolta da residui di ogni tipo, soprattutto quando compie il passaggio dallo stadio di uovo a quello di larva il cui peso, in origine, non raggiunge il milligrammo.

 

Tirando le somme, in trent’anni di lotta senza quartiere alla varroa abbiamo ottenuto:

  1. l’induzione della farmaco resistenza, compresa quella alla modalità di somministrazione del principio attivo;

  2. l’aumento della fertilità della varroa con la conseguente anticipazione dei trattamenti di controllo;

  3. l’aumento della sua aggressività (ovvero i danni che riescono ad arrecare alle api rapportato alla loro popolazione);

  4. l’inquinamento dei prodotti dell’alveare, che seppure insignificante per le persone che li vogliono utilizzare, ciò non lo è altrettanto per le api.

Quello che è peggio è che, purtroppo, non solo non siamo riusciti a risolvere il problema, ma neppure a tenerlo a sotto controllo.

 

E le api?

Nel frattempo, avendo avuto fiducia cieca nella guerra contro la varroa, abbiamo eliminato quest’incombenza alle api impendendole di trovare la loro strada alla risoluzione del problema e, anzi, abbiamo continuato a selezionarle solo rispetto ai caratteri utili ad una maggiore produzione. Se è vero che ora le api producono molto più miele, polline e pappa reale, ma anche covata e sono anche più docili, non abbiamo mai pensato se questo fosse controproducente – pensate che pacchia per le varroe avere più covata a disposizione per il loro ciclo di sviluppo! – per arrivare all’auspicabile convivenza ospite/parassita che sono certo, anche l’ape desidererebbe.  Per di più, con l’avvento della varroa sono scomparse le api selvatiche che mitigavano i nostri errori di selezione con l’introduzione nelle api allevate di geni “più rustici” portati dai fuchi  nati in alveari naturali o dalle regine degli sciami vaganti catturati dagli apicoltori. A peggiorare il quadro ora esposto, dobbiamo includere anche un’aumentata aggressività dei virus che fino a una ventina di anni fa erano pressoché sconosciuti agli apicoltori (a parte qualche caso di covata a sacco) nonché di alcune altre patologie, anche se non sempre imputabili alla varroa ma alla importazione, favorita dagli apicoltori, di microrganismi da altre parti del mondo come nel caso del Nosema ceranae.

 

Il futuro

Se l’analisi che è stata appena fatta è corretta (e chiedo agli apicoltori di intervenire al proposito manifestando i loro dubbi e perplessità) è chiaro che di errori ne sono stati fatti e un po’ da tutte le categorie che hanno a che fare con l’allevamento delle api. A cominciare dai ricercatori che non hanno avvertito in tempo gli apicoltori, pur conoscendola perfettamente, della strada che l’evoluzione ospite parassita avrebbe preso in presenza di interventi di controllo; noi apicoltori che pur allevando le api per quasi trent’anni con il problema varroa tra i piedi, non abbiamo visto il vicolo cieco in cui ci siamo poi ficcati; e, in ultimo, gli organi dello Stato che per competenza hanno il compito di salvaguardare il patrimonio apistico nazionale, e quindi anche il servizio veterinario, che pensano ancora di risolvere il problema col divieto di allevare le api in bugni rustici (dove più facilmente è possibile che si evidenzi una tolleranza delle api alla varroa) e con trattamenti obbligatori che cancellano tutte le differenze di suscettibilità alla varroa tra colonie di api.

 

Alla lotta chimica alla varroa, oramai non ci crede più nessuno: non ci credono i ricercatori di tutto il mondo e lo dimostra il fatto che al Congresso internazionale di Apimondia in Francia (ma anche alla prima Conferenza internazionale sull’Apicoltura biologica tenutasi recentemente in Bulgaria) non hanno presentato (forse neppure ci studiano) nessuna relazione su nuove molecole di sintesi chimica efficaci contro la varroa; non ci credono, in cuor loro, neppure gli apicoltori che hanno patito sulle loro spalle anni e anni di interventi che di primo acchito promettevano di risolvere definitivamente il problema e che, a conti fatti, hanno lasciato alle spalle più fallimenti che successi; sembrano crederci solo i servizi veterinari, ma solo per il fatto che, con i ben più grossi problemi che hanno con gli allevamenti maggiori (bovini, suini, ovi-caprini, ecc.) cercano di risolvere il problema per via normativa (praticamente lavandosene le mani) con effetti che è facile prevedere.

 

Intervenire sulla relazione ape-varroa
La lotta chimica è fallita, in fondo, perché abbiamo voluto frapporci (intendiamoci, all’inizio era la sola cosa che potevamo fare) tra i due litiganti. È stata una guerra tra apicoltori e varroa più che, come doveva essere, tra ape e varroa. Ora, se non vogliamo che la guerra alla varroa si trasformi nel nostro Vietnam, dobbiamo cercare di smettere di focalizzare la nostra attenzione solo sull’acaro e trasferirla alla relazione ape-varroa in modo che si evolva in maniera più favorevole per l’ape ma che sia anche rapida. Ed è quest’ultimo il nostro solo compito.

 

E attenzione, non lo dico io, che per anni ho condiviso gli stessi errori di tutta la categoria, pur allevando le mie api con il metodo biologico, ma la ricerca scientifica che prende in esame la sopravvivenza delle api in presenza di varroa che a Montpellier, al già citato Congresso internazionale di Apimondia, contro nessuna relazione su nuove molecole attive contro l’acaro, ne ha presentate, invece, più di una decina sul tema api resistenti alla varroa. Queste relazioni ci dicono che la strada non solo è percorribile ma già sta dando dei risultati positivi in allevamenti da reddito (http://www.apimondia.org/2009/bee-health/symposia/Practical%20varroa%20resistance%20selection%20for%20beekeepers%20-%20KEFUSS%20John.pdf).

 

Naturalmente, come evidenzia anche Ingemar Fries del Dipartimento di Entomologia dell’Università di Scienze Agronomiche di Uppsala in Svezia, nella sua relazione alla conferenza sull’apicoltura Biologica in Bulgaria, è impensabile che gli apicoltori possano dall’oggi al domani smettere di eseguire i trattamenti contro la varroa; ma possono valutare gli effetti dell’intervento acaricida e selezionare gli alveari nei quali la caduta di varroa (o il tasso di infestazione sulle api adulte, di questo semmai ne parleremo in un prossimo articolo), è molto basso. Negli altri dovrà essere eliminata la regina (portatrice dei geni della suscettibilità e madre di fuchi con la stessa caratteristica genetica) e sostituita con la figlia di una che ha mostrato una certa resistenza (in questo articolo ho provato a proporre un metodo)

 

È un lavoro lungo e laborioso che probabilmente non tutti gli apicoltori saranno in grado di portare avanti e, in questo, dovranno essere gli allevatori di regine, che però devono contemporaneamente avere ben presente anche i problemi relativi alla biodiversità, a supplire mettendo in commercio api regine che sappiano diminuire, per carattere genico, la fertilità della varroa.

 

So per certo che già, nell’indifferenza se non nella derisione dei più, ci sono apicoltori che per motivi vari, non eseguono trattamenti ai loro alveari pur non arrivando alla totale perdita delle loro colonie. Recentemente ho visitato uno di questi apiari e la situazione, seppure non idilliaca, non era grave. Anch’io ho sotto mano le cadute di varroe su almeno un centinaio di alveari che evidenziano qualche caratteristica interessante. Nella mia stretta cerchia di conoscenze ci sono già alcuni apicoltori interessati compreso un allevatore di regine e spero che molti ancora, dopo aver letto questo articolo, si uniranno a noi. Il mio indirizzo di posta elettronica per mettervi in contatto con me lo conoscete.

 

Nel futuro, dobbiamo smettere di vedere la varroa come un nemico da combattere ma con il quale fare la pace; in realtà ci dovremmo tirar fuori dal complesso rapporto ospite parassita e comportarci più come mediatori di pace che come parti in causa; e questo per incoraggiare un accordo duraturo tra api e varroa, l’unico che può portare ad una convivenza serena per tutti, soprattutto per noi apicoltori.

Leggi i commenti

Email

Commenti   

0 # marco dematteis 2015-03-27 21:26
Grazie..purtroppo in piemonte nn si può più parlare di ecotipo o ligustiche, e forse è per questo che aspromiele nn si è soffermata troppo su questo aspetto! Non so magari c'è altro ma io nn lo so! Però sono contento perché è una lotta alla varroa intelligente e soprattutto a lungo termine!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marco Valentini 2015-05-09 20:12
Non si può parlare di ecotipi di Ligustica unicamente perché gli apicoltori vogliono avere le mani libere di fare come gli pare con la genetica. Posizione molto miope e legata unicamente al presente, come se noi fossimo l'ultima generazione a calcare il suolo del nostro pianeta... Tuttavia, ben venga la selezione VSH
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # marco dematteis 2015-03-27 18:43
Buona sera. Che ne pensa della selezione del gene vsh? Ho partecipato al corso tenuto da aspro miele e sembra davvero il futuro per le api ci vorrà un po..ma meglio avere un obbiettivo piuttosto che niente..grazie!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marco Valentini 2015-03-27 21:03
Ne penso tutto il bene possibile; Harbo, ricercatore statunitense, ci ha lavorato per una ventina d'anni e, a sentire lui e la sua equipe, con grande successo. Nel nostro paese abbiamo, a mio avviso, l'obbligo morale di provare a selezionare regine di razza Ligustica resistenti e, mi sembra di capire, il progetto Aspromiele, non si cura di questo. Negli Stati Uniti l'Apis mellifera è di recente introduzione e, quindi, è più normale non curarsi del rispetto degli ecotipi che si sono naturalmente coevoluti con l'ambiente circostante. Naturalmente ci vorrà molto tempo ma meglio tardi che mai!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # massimiliano 2014-03-09 17:19
ho sentito che il rimedio migliore è l'acido salico ma questo dopo non mi inquina l'arnia ?
visto che voglio iniziare solo come hobby
se decido di non far nessun trattamento
(parlo da profano)il rischio è la perdita totale dello sciame o solamente una forte riduzione della famiglia che magari l'estate dopo ricresce? ho sentito parlare del timolo dovrebbe avere il principio attivo del timo se faccio un infuso con la pianta e lo spruzzo all'interno dell'alveare potrebbe causare danni allo sciame o non serve a niente pensavo di contornare le arnie con la pianta del timo non so se è una cazzata
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marco Valentini 2014-03-09 17:43
Si chiama acido ossalico ed è il meno inquinante di tutti i principi attivi utilizzati contro la varroa.
Non è possibile non fare alcun trattamento perché la famiglia morirebbe praticamente al 100%. Anche fare trattamenti paliativi non serve a nulla. Il timolo è un prodotto di sintesi e la molecola è simile a quella del timo ma oramai funziona pochissimo. Contornare le arnie di timo lo definirei esattamente come hai fatto tu, non c'è parola migliore per definirlo ;-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Ziren 2013-10-21 15:45
forse la "coltivazione" delle api in arnie cubiche garantisce ancora un minimo di reddito... in quest'epoca di crisi, comunque dà pur sempre un sacco di lavoro e tante preoccupazioni... si inizia con un certo entusiasmo, in maniera poetica, come se si trattasse del lavoro del futuro, ma poi spesso ci si chiede: Ma ha senso tutto questo darsi da fare per ottenere un po' di miele? questo sistema rende schiavi noi delle api e schiave le api di noi. Qualcuno dice che Langstroth vide in sogno l'arnia cubica a favi mobili! e ancora molti credono che si tratti della miglior arnia mai inventata... bàh
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Marco Valentini 2013-10-21 17:05
Come darti torto...
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
0 # Ziren 2013-10-18 16:08
da dove ripartire? vendere tutte le arnie DB e costruirsi delle Kenia TBH così da manipolare il meno possibile le api e non dover neppure sostituire la cera, visto che in natura sono loro che devono arrangiarsi a demolire quella vecchia e ricostruirla... l'apicoltura è in effetti diventata un'aberrazione... vi è anche la tentazione di vendere proprio tutto e cercar attività più confortevoli :-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
+1 # Marco Valentini 2013-10-20 21:10
Difficile dire; il modello di apicoltura che utilizziamo ora, è il migliore che esista x il tipo di società capitalistica che ci siamo dati, ovvero quello della piu alta massimizzazione del reddito possibile. Poco importa che x farlo si utilizzi il doping (cosa altro sono gli "aiutini" che utilizziamo quali medicine, alimentazione artificiale, utilizzo di ibridi e quant'altro?). Del resto non fanno lo stesso gli sportivi ai quali questa società chiede prestazioni al di là dei limiti umani?.
Allora, chi dall'apicoltura vuol fare reddito non ha scelta, rimanere in questo modello finché dura, ovvero finché la Varroa non diventa resistente a ogni molecola. Chi vuol tenere alveari x il proprio autoconsumo e ha altri redditi su cui contare, oppure è cosi bravo da ritagliarsi una nicchia di mercato del miele più naturale possibile, allora la KTBH è senz'altro una buona alternativa.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast