Senso di smarrimento e disperazione degli apicoltori argentini per la siccità che ha già dimezzato le produzioni di miele

In Argentina l’apicoltura sta attraversando un momento di grave crisi. Oltre ai già gravi problemi di mortalità e riduzione dei pascoli, gli apicoltori argentini, soprattutto nella regione di Santa Fé, sono soggetti ad una grave siccità che rende necessario addirittura l’alimentazione artificiale delle api per impedire la loro morte per fame. Gli apicoltori più anziani fanno fatica a trovare nel passato un anno così funesto. E dalle ultime informazioni dettate dal Buenos Aires Grain Exchange, nell’ultimo mese il prezzo pagato ai produttori è aumentato del 9,43% al chilogrammo se è miele da esportazione e collocato nei fusti.

Gli apicoltori che allevano i loro alveari nella zona costiera sostengono addirittura che il loro raccolto è stato il 20% della produzione di miele che si aspettavano. La mancanza di pioggia, la mancata fioritura della prateria hanno perfino ucciso degli alveari che si sono trovati senza cibo. Gli apicoltori sono tutti uniti per richiedere lo stato di calamità nazionale.

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast