Studio preliminare sulla perdita negli USA di colonie di api nell’inverno 2008-2009

L’Apiary Inspectors of America (AIA) e l’USDA-ARS Beltsville Honey Bee Lab (la redazione è a cura di Dennis vanEngelsdorp, Jerry Hayes, e Jeff Pettis) hanno condotto, tra il settembre 2008 e l'inizio di aprile 2009, un censimento degli alveari persi, per valutare l’andamento del Colony collapse disorder dell’ultimo inverno. Sono stati censiti più del 20% degli alveari degli USA, stimati in 2,3 milioni di colonie.

È stata registrata una perdita totale del 28,6% delle colonie di api che, in confronto con le perdite del 35,8% e del 31,8% registrate rispettivamente nei due inverni precedenti, segna un seppur timido miglioramento. La diminuzione nel totale delle perdite, però, sebbene incoraggiante, rimane economicamente insostenibile. Il Colony Collapse Disorder (CCD) è caratterizzato dalla completa assenza di api all’interno degli alveari. Questo sondaggio non è stato, però, in grado di distinguere tra i casi di CCD verificati e le colonie perse per altre cause. Solo il 15% di tutte le colonie perse durante l'inverno 2008/2009 è morto con evidenti sintomi di CCD, rispetto ad una perdita del 60% delle colonie con sintomi simil-CCD nell’inverno precedente.

Mentre le perdite derivanti da CCD potrebbero essere diminuite nell’inverno 2008/2009, comunque le perdite derivanti da altre cause rimangono una notevole preoccupazione. Il 58% di tutti gli apicoltori dichiara nell’ultimo anno una perdita superiore al normale, di circa il 32,8% delle loro colonie rispetto alla minoranza degli apicoltori che hanno denunciato una normale perdita del 17% ed anche inferiore. Questi risultati sottolineano l'urgente necessità di mettere in cantiere un importante studio che non prenda in esame solo il CCD, ma in generale la salute delle api.

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast