Prodotti apistici biologici e prospettive di mercato - La situazione attuale del mercato dei prodotti biologici

La situazione attuale del mercato dei prodotti biologici

Detto questo, facciamo ora una fugace escursione nel mercato dei prodotti biologici per capire quale è, in questo momento, la situazione contingente e, nel contempo, cercare di azzardare una previsione sul futuro.

Gli ultimi dati statistici ufficiali che abbiamo momentaneamente a disposizione sul comportamento nel mercato dei prodotti biologici in generale e del miele - gli altri prodotti non sono censiti - in particolare rispetto agli omologhi convenzionali, li dà l'ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Agroalimentare) a fine 2008 e sono relativi al 2007 e ai primi sei mesi del 2008. Essi indicano che in Italia gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionati nel 2007 sono incrementati del 10,2% in valore rispetto al 2006 mentre nel primo semestre del 2008, rispetto allo stesso periodo del 2007, l'incremento è stato un po' meno marcato ma segna sempre un + 6,0%. Rimane comunque bassa la percentuale del comparto rispetto alla spesa totale, inchiodata ad un misero 1% il che evidenzia, però, che esiste ancora spazio per la crescita futura.

Andamento dei consumi domestici di prodotti biologici confezionati in Italia nel 2007

Comparto                                          Variazione % 2007/06                 Quota comparto/totale bio

Lattiero caseari                                                9,2%                                                  20,6%
Ortofrutta fresca e trasformata                    25,2%                                                  17,1%
Biscotti, dolciumi e snack                              -3,4%                                                 11,4%
Bevande analcoliche                                      19,1%                                                   9,5%
Uova                                                                  1,6%                                                     7,1%
Zucchero, caffè e tè                                        -4,8%                                                    5,8%
Prodotti per l'infanzia                                      36,4%                                                   5,2%
Olii                                                                      4,4%                                                     4,7%
Pasta e riso                                                     13,0%                                                    4,3%
Miele                                                                 4,8%                                                      3,6%
Pane e sostituti                                               -3,1%                                                    2,8%
Gelati e surgelati                                            13,7%                                                   2,3%
Condimenti                                                      30,2%                                                   1,6%
Salumi e elaborati carne                               21,7%                                                   0,9%
Bevande alcoliche                                           25,6%                                                  0,7%
Prodotti dietetici                                             -12,3%                                                   0,7%
Altri                                                                     5,7%                                                     1,6%

Totale prodotti biologici                               10,2%                                                 100,0%

Fonte: Ismea/ACNielsen

Variazione degli acquisti domestici di prodotti bio confezionati nel primo semestre del 2008 in Italia
(Variazione percentuale su acquisti in valore, raffronto con il pari periodo 2007)

Comparto                                       Variazione percentuale I semestre '08/07
Lattiero caseari                                                             5,7%
Ortofrutta fresca e trasformata                                 18,4%
Biscotti, dolciumi e snack                                        -22,2%
Bevande analcoliche                                                  10,7%
Uova                                                                                5,1%
Zucchero, caffè e tè                                                     -7,0%
Prodotti per l'infanzia                                                  17,6%
Olii                                                                                   -2,7%
Pasta e riso                                                                  32,0%
Miele                                                                                5,3%
Pane e sostituti                                                           32,4%
Gelati e surgelati                                                          4,9%
Condimenti                                                                 15,4%
Salumi e elaborati carne                                         -17,3%
Prodotti dietetici                                                         31,1%
Altri                                                                               24,9%

Totale prodotti biologici                                            6,0%

Fonte: Ismea/ACNielsen

I dati dell'Ismea evidenziano come a spingere gli acquirenti verso i prodotti biologici sia soprattutto la necessità di nutrire con essi i propri figli. Detto in altre parole, una parte della popolazione italiana ha la convinzione che i prodotti biologici siano più sani di quelli convenzionali ma per il momento li destina soprattutto alla prole. Le tabelle mostrano anche come gli acquisti siano orientati soprattutto verso poche categorie merceologiche visto che le prime tre fanno ben il 50% della spesa delle famiglie per il biologico e le prime 8 più dell'80%.

Una curiosità: per il miele bio gli italiani spendono 12.180.000 di euro (+ 4,8% rispetto al 2006).

Sul versante prezzi, invece, non vi sono variazioni significative nel rapporto tra prodotto bio e convenzionale. Infatti nel 2007 questo è sceso del 2,7% mentre nel primo semestre del 2008 è aumentato del 1,5%. In parole povere non è aumentato il divario di prezzo tra bio e convenzionale che è intorno tra il 15% e il 20%, molto più basso di quello che capita nella maggior parte dei comparti agricoli.

L'Ismea, che da una parte conforta i produttori certificati sulla validità della loro scelta (il mercato è in aumento, mentre quello del convenzionale è stagnante), ci dice invece poco o nulla sul canale di vendita che deve preferire il produttore per assicurarsi una maggiore possibilità di successo.

Per questo ci viene in aiuto Bio Bank, la più importante banca dati privata del settore, che pubblica annualmente un rapporto che nasce dall'elaborazione annuale dei censimenti diretti di più di 7.000 operatori del biologico.

Il rapporto 2009, che si basa su dati del 2008, evidenzia che la spinta dei cittadini italiani è quella di non rinunciare ai prodotti biologici malgrado la crisi ma preferisce acquistarli sempre più ricercando un canale diretto. Questo, naturalmente, anche sull'onda di una maggiore richiesta di conoscenza della storia dei cibi che si mettono in tavola (sono in aumento gli acquisti anche dei cibi in possesso di denominazioni d'origine come DOP e IGP) a partire dall'origine delle materie prime, per finire alle modalità di preparazione.

Alcuni dati sono veramente interessanti: i gruppi di acquisto solidale (i cosiddetti GAS) sono aumentati, in tre anni, di ben il 66% e ora sono più di 500; le aziende che hanno una qualche forma di vendita diretta sono aumentate, invece, del 47% e sono circa 2.000 solo quelle censite da Bio Bank. Un altro canale di vendita diretto interessante, sempre dai dati in possesso di Bio Bank è quello dei mercatini; solo quelli specializzati nel bio sono più di 200.

Questo è quello che dicono i dati sul mercato dei prodotti biologici; dati reali, inoppugnabili, qualcuno direbbe un po' freddi; cosa succederebbe se i cittadini fossero a conoscenza della triste storia dei prodotti convenzionali che raggiungono le loro tavole e se non fossero in continuazione bombardati da una stampa malevola nei confronti del biologico, non è dato sapere ma, sono certo, questi numeri sarebbero di gran lunga più favorevoli.

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast