Trasporto delle api: è il maggiore responsabile della diffusione dei virus.

Lo sai che il trasporto delle api: è il maggiore responsabile della diffusione dei virus? In un’interessante studio alcuni ricercatori del Regno Unito e delle Hawaii, hanno potuto misurare, grazie al relativamente recente arrivo nell'Isola del Pacifico della varroa, i cambiamenti nella prevalenza, quantità e varianti dei virus delle api. L'arrivo dell'acaro ha fatto aumentare la prevalenza di una singola specie virale, il virus delle ali deformi (DWV), che è passato dal 10 a 100%, e questo è stato accompagnato da un aumento di milioni di volte nella concentrazione virale e una massiccia riduzione della diversità del virus. Oramai, un unico ceppo di DWV ha la predominanza su altre varianti. Pertanto, la diffusione globale di Varroa ha permesso al DWV di diventare uno dei virus degli insetti più diffuso e contagiose del pianeta.

Ed infatti si sta sempre più delineando la tesi che la letale combinazione Varroa-DWV  sia tra le principali cause della forte moria di api che ha spazzato via milioni di alveari negli ultimi decenni. La Varroa si riproduce e si nutre principalmente a discapito della covata delle api, mentre il virus delle ali deformi debilita e uccide le api adulte, ovvero un doppio colpo devastante per le colonie.

Uno studio condotto dall'Università Exeter's Centre for Ecology and Conservation (UK) e pubblicato sulla rivista Science ha concluso che la diffusione del virus delle ali deformi è dovuta alle attività umane ed è partita dalle api di origine europea, grazie al commercio ed il trasporto delle api. Quindi l'Europa sarebbe il punto di partenza della diffusione globale della combinazione letale di Virus delle ali deformi e Varroa.

I ricercatori hanno analizzato per la presenza del virus delle ali deformi i campioni di api e Varroa provenienti da tutto il mondo. Hanno ricostruito la diffusione del Virus delle ali deformi e hanno scoperto che l'epidemia si è diffusa in gran parte dall'Europa verso il Nord America, l'Australia e la Nuova Zelanda. Hanno trovato qualche movimento bidirezionale tra Europa e Asia, ma nessuno tra Asia e Australasia, nonostante la loro maggiore vicinanza. Il team ha anche esaminato i campioni provenienti da altre specie sospettate di trasmettere la malattia, tra cui diverse specie di api, acari e bombi, ma hanno concluso che l'ape europea è stato il trasmettitore chiave.

Questo dimostra che la sua diffusione è in gran parte artificiale. Infatti se la diffusione si fosse realizzata naturalmente, ci si sarebbe aspettato di osservare la trasmissione tra i paesi che sono vicini gli uni agli altri. Ciò rafforza in modo significativo la teoria che il trasporto umano delle api è il maggiore responsabile della diffusione di questa malattia devastante.

Questo studio dimostra, quindi, i rischi insiti nella movimentazione degli animali e delle piante in tutto il mondo. Le conseguenze possono essere devastanti, sia per gli animali domestici e per la fauna selvatica. Il rischio di introdurre virus o altri agenti patogeni è solo uno dei molti potenziali pericoli. Secondo gli autori della ricerca è indispensabile mantenere stretti limiti sul movimento delle api ed è altrettanto importante che gli apicoltori a tutti i livelli adottino severe misure per il controllo della Varroa nei loro alveari, in quanto questa malattia virale può anche interessare impollinatori selvatici. 

http://science.sciencemag.org/content/336/6086/1304

Se ti è piaciuto il contenuto di questo articolo condividilo con altre persone! Questo ci permette di continuare a studiare, testare e ad aumentare il valore dei nostri contenuti nel tempo. Bisogna prima dare valore per poi ricevere valore ;-)


Ultimi Articoli

Marco Valentini

Storia apicoltura biologica: la base di un nuovo modello di sviluppo.

Count down per l’agricoltura occidentale. Un mondo sempre più alla ricerca spasmodica di paradigmi che abbraccino la sostenibilità ambientale ha come primaria necessità quella di produrre alimenti seguendo lo stesso modello. Una palestra per questo già esiste e si chiama agricoltura biologica.
Marco Valentini

L’uomo e l’ape: un rapporto che non si è mai interrotto.

L’uomo se non ci fossero state le api non avrebbe potuto raggiungere lo stato di civiltà odierno. Le api, senza l’uomo non avrebbero potuto spingersi in territori per loro inaccessibili. Probabilmente è la specie, assieme all’uomo, che più è ubiquitaria.
Marco Valentini

Fare apicoltura è difficile: ecco l’arnia che la semplifica.

Fare apicoltura oggi, soprattutto se da questo mestiere si vuol trarre del reddito, è diventato estremamente difficile, pressoché impossibile senza un lungo iter formativo.
Marco Valentini

Perché le api stanno morendo. Ecco cosa accade davvero.

Ti sei mai chiesto/a perchè le api stanno morendo? Ecco cosa accade davvero. Il 2006 è l'anno in cui tutto il mondo si è accorto, per le catastrofiche morie di alveari che si sono susseguite in ogni parte del Globo, che le api sono in pericolo. Che le api stanno morendo.
Marco Valentini

Scopriamo insieme le strategie di sopravvivenza delle api.

Strategie di sopravvivenza delle api: ogni essere vivente mette in atto una propria strategia di sopravvivenza. Ogni specie ha la sua e sarà la selezione naturale a sancirne l’efficacia.
Marco Valentini

Crostata di crema al limone: prepariamo la ricetta con il miele.

Ricetta vegetariana: prepariamo la crostata di crema al limone, un classico intramontabile nella cucina italiana. É ottima sia dopo una conviviale cena tra amici o al mattino con una bella tazza di tè caldo. E come sempre non può mancare uno degli elementi essenziali della vita sulla terra: il miele.
Marco Valentini

Le api locali vanno tutelate con una legge ad hoc.

Abbiamo la fortuna di vivere in Italia, patria dell’ape da miele della sottospecie ligustica da tutto il mondo considerata quella che meglio di tutte si adatta ad essere allevata.
Marco Valentini

Gli apicoltori statunitensi vengono in Italia per migliorare la genetica.

Mentre gli apicoltori italiani dissipano la variabilità genetica delle loro api quelli statunitensi vengono in Italia per migliorare la variabilità genetica del loro patrimonio apistico.
Marco Valentini

Anche l'apicoltore è responsabile del declino delle api.

Anche l'apicoltore è responsabile del declino delle api, ce lo dice la Carta di San Michele all'Adige.
Marco Valentini

Perché perdere variabilità genetica è un errore fatale.

Perdere variabilità genetica è un errore fatale già accaduto negli Stati Uniti. Ecco perché non dobbiamo ripeterlo.

Entra nel nostro alveare

Vogliamo creare una comunità di apicoltori che vuole fare la differenza. Mettere la loro voce, le loro competenze contro la crisi climatica e un modello di sviluppo fallimentare e divisivo. Unisciti nel nostro alveare ed accedi a tanti contenuti premium ogni mese.

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali in conformità al D.Lgs 196/2003. Leggi la Privacy Policy . Niente spam la odiamo anche noi.

Seguici

Del gruppo Bioapi Soc. Agr. s.s.
Via Maestri del Lavoro
Sansepolcro AR
P.IVA 02174970513

PRIVACY POLICY I COOKIE POLICY

© 2020 All rights reserved.
Handmade with love by Hyphae